sabato 21 ottobre 2017

LIGURIA. SOSPESA LA CACCIA ALLO STORNO

Caccia allo storno in Liguria | confermata sospensione

Si annuncia una stagione difficile per gli appassionati di caccia allo storno: il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensione dell’ordinanza con cui il Tar lo scorso settembre aveva bloccato l’attività venatoria.
Conseguenza diretta, la caccia allo storno resta sospesa, e per i cacciatori si avvicina sempre di più il termine della chiusura, fissato al 15 dicembre dalla legge regionale.
Soddisfazione è stata espressa dalle associazioni animaliste regionali, che in questi giorni sono scesi in piazza per una raccolta firme contro la caccia: l’appuntamento è per sabato 21 e domenica 22 ottobre in via XX Settembre, all’altezza del Ponte Monumentale.




115.000 ANIMALI MORTI PER SMOG IN CINQUE ANNI

Roma (21 ottobre 2017) - Lo smog uccide, uccide uomini ed animali e li uccide in Italia, e specialmente nelle città delle regioni del Nord Lombardia e Piemonte in testa. Secondo i dati dell'Agenzia Europea dell'Ambiente in Italia muoiono 80.000 persone per patologie legate alle sostanze tossiche presenti nell'aria in particolare al particolato ed altre sostanze velenose. Ma purtroppo non sono solo gli umani a lasciarci le penne ma anche gli animali,negli ultimi cinque anni infatti oltre 115.000 tra cani e gatti sono morti negli ultimi cinque anni prevalentemente nelle regioni del Nord Italia per patologie legate allo smog. Le regioni piu colpite sono Lombardia e Piemonte le città maggiormente interessate Pavia, Mantova, Novara ed Alessandria oltre a Torino, Milano e Brescia.

PUò ESSERE UNA SOLUZIONE.

TURBIGO CANI ALLA CATENA. INTERVIENE AIDAA

Una segnalazione che arriva al telefono amico di AIDAA da parte di una persona che segnala i vicini che tengono il cane,anzi due cani alla catena a Turbigo nel milanese, catena corta, avviati i controlli preliminari prima di chiedere l'intervento delle autorità.


venerdì 20 ottobre 2017

DUE NUOVE AREE CANI A VERMEZZO

Ci comunicano gli amici di Vermezzo un paese dell'abbiatense ad ovest di Milano che sabato mattina scorso sono state inaugurate due nuove aree cani una delle quali grande oltre mille metri quadrati a volte i buoni risultati arrivano senza che ce lo aspettiamo.
immagine di repertorio

giovedì 19 ottobre 2017

L'ORRORE IN UN CLIC

Il fatto che questo signore abbia vinto un premio con una foto di un rinoceronte ucciso e a cui hanno tolto il corno è inaccettabile. basta usare gli animali a scopo di lucro e rispetto per gli animali vivi om morti che siano.

AIDAA. CHIAREZZA SUI CUCCIOLI DI KJ2

lA DURA LETTERA DEL PRESIDENTE AIDAA A ROSSI E GALLETTI

Trento (19 settembre 2017) - "Se i cuccioli di KJ2 dovessero morire per incuria e dopo l'inutile uccisione della loro mamma dovuta a un decreto criminale del presidente della provincia di Trento Ugo Rossi riterremo responsabili davanti al popolo e alla giustizia della loro morte il ministro Galletti e lo stesso Rossi" Durissime le parole del presidente di AIDAA Lorenzo Croce nel presentare la lettera inviata questa mattina al capo di gabinetto del ministero dell'Ambiente e allo stesso Rossi con la quale il presidente di AIDAA scrive testualmente: "Sono Lorenzo Croce, presidente nazionale dell'ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA vi scrivo queste poche righe preoccupato per il futuro dei cuccioli di orso figli dell'orda KJ2 barbaramente ed ingiustamente uccisa nello scorso mese di agosto.
Avvicinandosi l'inverno appare evidente che questi cuccioli non avendo avuto la possibilità del primo letargo con la mamma non saranno in grado di individuare la e preparare la tana per il letargo con forti rischi per la loro vita stessa.
Vi scrivo per sapere se sono stati messi in atto le azioni necessarie alla loro salvaguardia,dopo il barbaro assassinio della loro madre a causa di un vergognoso e criminale decreto firmato proprio dal presidente Rossi."
Qualora fossero state messe in atto le azioni a tutela dei cuccioli vi prego di darne comunicazione pubblica, in caso contrario ritengo che nel vostro ruolo sareste i responsabili primi della loro eventuale morte.
Mi scuso per la franchezza,ma non credo ci sia altro modo se non quello di parlare chiaro."
un immegine dei due orsetti figli di kj2 risalente al mese scorso.

ZOORESTIA. ASIA ARGENTO CHIEDA SCUSA AGLI ANIMALI

MILANO (19 Ottobre 2017) -  "Asia Argento lascia l'Italia? Una istigatrice alla zoorestia in meno in circolazione". Durissime le parole di Lorenzo Croce presidente di AIDAA su Asia Argento. "Non mi permetto di entrare nella vicenda delle presunte molestie e degli stupri quelle sono questioni gravi sulle quali non esistono spazi di discussione pubblica, uno stupro o anche una semplice molestia  a una donna è un atto gravissimo da condannare senza se e senza ma, in qualunque tempo e luogo venga commesso e chi lo denuncia anche se ad anni di distanza merita rispetto- continua Croce- ma nel caso specifico non posso dimenticare che Asia Argento ha pià volte istigato con i suoi comportamenti e con scene dei suoi film alla zoorestia, vale a dire al sesso con animali e quindi sotto questo profilo non possiamo certo trattarla con rispetto". La vicenda che denuncia il presidente Croce è riferita ad una puntata di Matrix dello scorso 12 maggio dove la Argento ospite di Chiambretti dopo la visione di un video che termina con un bacio tra lei e un cane (non certo un bacio innocente) scambia con il conduttore frasi a dir poco ambigue sulla pratica del sesso con animali per questo motivo la vicenda suscitò l'allarme e l'indignazione non solo degli animalisti ma anche di molta gente comune. Vale la pena ricordare che in Italia non esiste il reato di zoorestia in quanto tale, ma viene contemplato sempre più frequentemente nel reato di maltrattamento di animali. "Quindi ci piacerebbe.- conclude Croce- che la Argento prima di andarsene chiede scusa agli animali per i suoi quanto meno ambigui comportamento in fatto di sesso con i cani".

LA VICENDA

l'attrice accusata di istigare al sesso con animali